Blog News Spaghetti indigesti

2013-01-19-11.32.51Bologna, 19 gennaio 2013. Ho deciso di partecipare all'evento organizzato dall'associazione Spaghetti Opendata, un gruppo di persone accumunate dall'intenzione di rendere liberi i dati a disposizione delle Pubbliche Amministrazioni. L'obiettivo è nobile: i dati sono "di tutti" proprio perchè appartenenti ad enti ed istituzioni e ognuno ha il diritto di accedervi e utilizzarli a piacimento nel rispetto dei dati personali, naturalmente.

Ho scelto la giornata del sabato perchè il programma mi sembrava interessante. Dal sito dell'associazione si legge: "facciamo un hackathon, e proviamo a scrivere una nuova app o a migliorarne una esistente". Sono interessato anche alla scrittura di App e decido di andare, un po' dubbioso, e quindi anche "curioso", su come si potesse "scrivere" un'applicazione in una "conferenza".

La location scelta per l'incontro è l'Urban Center di Bologna, nell'ex Sala Borsa, nella centralissima Piazza Nettuno. Un esempio di recupero di spazi "pubblici" destinati al riuso socio-culturale. Una "piazza" messa a disposizione dall'Amministrazione proprio per favorire la diffusione e la fruizione di materiale culturale. Il mio entusiasmo comincia a scricchiolare già dopo la reception. Nessuna traccia del "raduno"; nessun cartello nè informazioni...

Decido di seguire alcuni ragazzi con i laptop in spalla, anche loro un po' disorientati, ma che mi portano fino al secondo (e ultimo) piano, in un box di vetro, molto "urban-chic". Sedie sistemate di fronte ad uno schermo per proiettori e a seguire dei "tavoli" su cui erano appoggiati computer e ciabatte (elettriche) in ordine sparso, lo stesso che regolava lo spostamento delle persone. Non era semplice identificare gli organizzatori e nessuno dava informazioni su dove sedersi o come organizzarsi. L'ambiente era "social" ma solo dal punto di vista informatico: la maggior parte usava il proprio laptop per tweettare..magari al vicino; nessuno ha pensato che in un raduno una parola "detta" ha una forza maggiore.. e viene raggiunta immediatamente da tutti quelli che stanno accanto.. proprio come un tweet, ma senza bisogno di altri supporti, essendo gli accessori già installati nei corpi umani (ad eccezione di alcuni a cui evidentemente hanno disinstallato il cervello).

Ho pensato che si potevano utilizzare dei simpatici bollini multicolore con gli slogan dell'evento, presenti in quantità sui vari tavoli. Oppure le etichette dove si poteva scrivere il proprio nome e poi appicciacarsela addosso.

All'improvviso un organizzatore (o comunque uno dello staff) prende la parola e dà qualche indicazione della giornata. Si tratta di dividersi in tre gruppi. Tre, come nel sito dell'associazione (ma se non eri collegato ad internet non te li ricordavi), solo che non con la stessa corrispondenza. C'era il gruppo più "politico" che discuteva dell'attuale situazione dell'apertura dei dati nei vari Paese europei (col senno di poi, il gruppo più interessante);  un gruppo che avrebbe sviluppato un'applicazione per tweettare ai nostri politici (echissene..!); infine il gruppo per il quale ero arrivato fin lì: quello che avrebbe dovuto realizzare la app con alcuni dati presi dal sito del Ministero degli Interni. Si è deciso di suddividere ulteriormente anche questo gruppo in due: tra chi era interessato a scrivere un'applicazione per "scrappare" i dati dal sito del Ministero e chi era interessato al loro utilizzo. Lo "scraping" è una tecnica utilizzata per estrarre i dati dal web. Il sottogruppo spiegava come prendere quelli elettorali dal dopoguerra ad oggi, e venivano illustrate le tecniche per la realizzazione di uno scraper.

Durante la lunga spiegazione su come erano organizzati i dati delle elezioni nel tempo, ho avuto modo di confrontarmi con alcuni dei miei compagni di banco, quelli che, come me, avevano scelto quel gruppo perchè interessati alle app. Tutto mi è sembrato chiaro quando una ragazza, forse una geek-girl, che mi parlava con l'auricolare nelle orecchie, mi ha chiesto che ambiente di sviluppo utilizzassi per programmare le app. Le ho risposto che ero lì proprio per imparare le tecniche di programmazione. Solo che lì nessuno faceva app.. e anche se ci fosse stato qualcuno presente che sapeva come realizzarle, non lo avrebbe insegnato a nessuno. Quel gruppo doveva soltanto prendere i dati e rappresentarli, in qualsiasi modo.. anche su carta, se qualcuno lo riteneva opportuno! Ho deciso che non ero nel posto giusto quando ho sentito l'idea di organizzare i dati su un foglio di Excel!

Sono andato via amareggiato. Di sicuro ho frainteso quanto veniva scritto nel programma dell'associazione. Era troppo generico e avrei dovuto pensare da subito che quel "proviamo a scrivere una app" poteva essere interpretato in diversi modi.

Ma riflettendo sull'organizzazione del "raduno" e pensando alle sue finalità rimango comunque perplesso. Non c'è nessuna organizzazione interna, nessuna comunicazione se non quella demandata ai tweet. Cercare di convincere la Pubblica Amministrazione a rendere disponibili i dati altrimenti li rubano mi sembra un modo infantile di chiedere qualcosa e controproducente per ottenere quanto si richiede. Scrivere uno scraper è al limite della legalità e potrebbe, se usato in maniera impropria, portare agli eccessi le finalità per cui è stato presentato. Che cosa succederebbe se qualcuno decidesse di prendere i dati relativi alle ricette mediche associati ai codici fiscali in possesso del MInistero della Salute? La tutela della privacy richiede comunque delle restrizioni e sono convinto che la liberalizzione dei dati debba passare per richieste concrete e funzionali alla stessa Pubblica Amministrazione. Io, cittadino, ho il diritto di conoscere che cosa "sa" di me l'amministrazione ma nello stesso tempo che cosa "dice" di me agli altri, rendendo disponibilie i "miei" dati.

Il raduno mi ha ricordato molti degli eventi che si organizzano a Bologna e il motivo per cui non amo quella città: un insieme di persone convinte che si possa cambiare il mondo con i tweet e senza fatica. Un prontuario su cosa non fare per organizzare qualcosa di interessante e di interesse pubblico.

Gli organizzatori (credo) invitavano a tweettare e scattare foto. Io lo faccio, nella speranza che davvero le Amministrazioni si decidano a rilasciare i dati in loro possesso.. quanto meno per fare in modo che "raduni" del genere non si facciano più!

Comments   

 
0 #2 Guest 2013-02-01 16:26
questo non può essere lasciato al caso. La prossima volta sarò più sintetico, questa volta mi sono prolungato un pò troppo, ma io che ci devo farà ??????? Arrivederci Prof..
Quote
 
 
0 #1 Guest 2013-02-01 16:18
Prof., penso che nel 2013 sia ora che i dati della Pubblica Amministrazione possano essere visibili a tutti, perchè con i nostri soldi hanno fatto la bella vita pagandosi di tutto e di più: dalle stanze d'alberto al caviale, senza dimenticare le costosissime auto che tutt'ora si trovano nei loro garage. Fortumatamente questo "furto", perchè altro non è, è venuto a galla e finalmente l'intera popolazione vuole reclama a grand voce che anche i loro dati devono essere "alla portata di un clic". Io spero che tutte le persone che hanno usato soldi pubblici vengano punite, perchè se un padre di famiglia, che a perso il lavoro, ruba una mela o qualcos'altro verrà punito e rischia anche il carcere mentre loro che rubano centinaia di miliaia di euro la passano liscia e quasi sempre la loro pene sono i domiciliari. Beh, questa cosa deve cambiare soprattutto in un momento di crisi come quello che l'Italia sta vivendo in questo momento. Lo so di essere stato lungo ma secondo me un cancetto come
Quote
 

Add comment


Security code
Refresh

Login Form